lunedì 2 maggio 2016

Cambio Vita - Primi step in pillole

Un po' come i fioretti che si fanno a Natale o i buoni propositi del nuovo anno io, ogni settimana, mi sveglio proponendomi di cambiare abitudini, di cambiare vita sostanzialmente.


Messa in questi termini la cosa sembra più grande di quello che è in realtà ma, quando vi rendete conto, già al mattino appena aprite gli occhi, che non avete voglia di affrontare la giornata nei vostri panni è sintomo di qualcosa da estirpare. Che siano abitudini, cibi o perfino atteggiamenti bisogna prendere atto del fatto che il nostro corpo ci manda continuamente segnali e quando questi sono di disagio, non possiamo semplicemente girarci dall'altro lato e continuare a dormire.

Il fatto è che siamo pigri e spaventati al contempo perché spesso per eliminare un semplice gesto quotidiano, uno di quelli che fai da una vita, è sinonimo di cambiamento; bisogna guardarsi dentro per fare questo genere di cose e per molti è un vero senso di panico. Fingere di non avere niente che non ci piaccia ci fa sentire meglio con noi stessi. 

Lo so, andare verso posti sconosciuti ci rende tremendamente insicuri in un mondo dove mostrarsi al mondo corazzati è l'unico modo di sopravvivere ma è tutto a nostro discapito. In ogni caso siamo noi che ci perdiamo.

Ho realizzato questo pensando e ripensando dentro il letto - sapete quelle notti troppo lunghe - ai cambiamenti reali e sostanziali che mi devo preparare ad affrontare ed è in quel momento che ci sono arrivata - o probabilmente era solo il cervello che mandava elettroimpulsi di stanchezza - sta di fatto che ho capito di voler cambiare.


In primis mi riferisco a quei modi di fare cose quotidiane ma soprattutto il modo in cui decido di affrontare la giornata deve essere reimpostato; partendo svogliata o vinta già dal momento in cui metto piede a terra non ne verrà mai nulla di buono ed è proprio per questo che cerco di adottare nuovi metodi di pensare. Non mentirò, questo non è un lavoro facile e soprattutto non ci si può approcciare - tanto meno riuscire - dall'oggi al domani. Se siete perdi tempo vi dico in partenza che ciò che state leggendo non fa per voi oppure sappiate che, alla fine di questo post, resterete con un grande punto interrogativo ed una frase del tipo: "Tutto molto bello. A che ora inizia il Trono di Spade?"

Per ora vi svelo attraverso una piccola lista i punti sui quali cerco di lavorare; qualcuno mi riesce sicuramente meglio di altri ma il bello è questo, mettersi in gioco, tentare e finalmente riuscire, cambiare e ricambiare se serve fin quando al mattino non ci si alza soddisfatti e pronti a spaccare.

1) Alzarsi con calma e prendersi del tempo per pensare, per avere la mente lucida e non venire morsi dalla fretta.

2) Bere acqua e limone al mattino aiuta il corpo come l'organismo sarà più rigenerato se riusciamo a bere almeno un litro e mezzo di acqua al giorno.

3) Cercare di organizzare il tempo, le scadenze, insomma avere un agenda così da liberare la mente e contemporaneamente non perdervi nulla.

4) Iniziare una sana alimentazione ma non una di quelle: "non vado a mangiare al Burger King perché fa male", bisogna conoscere il cibo e le sue proprietà, conoscere i cibi di stagione, bisogna variegare l'alimentazione e non ridursi alla solita pappa pronta o peggio, precotta.

5) Iniziare un Gratitude Journal. Per chi non lo conoscesse è il metodo attraverso il quale ci dobbiamo sforzare di riconoscerci ciò che ci soddisfa all'interno di ogni nostra giornata.

6) Circondati con un ambiente che ti soddisfi a pieno e ti faccia essere a tuo agio.

7) Trova sempre, anche cinque minuti, per te stessa.

Adesso che abbiamo messo le basi - per molti saranno ovvie o magari qualche punto anche inutile - ma serve tutto a modificare il nostro modo di pensare, soprattutto verso noi stessi. Se vogliamo imparare a stare bene è un lavoro che dobbiamo fare di testa e con impegno perché la vita che conduciamo è troppo frenetica ed è facile lasciarsi trasportare e cadere in un vortice di passività.

Nei prossimi post svilupperò, passo passo, tutto ciò che faccio io per cercare di seguire questo nuovo codice di abitudini.

Qualcuno di voi già segue qualcuno di questi consigli? Avete altri da proporre?

7 commenti:

  1. wow !
    questo tuo post, chiamiamolo così, mi è piaciuto molto!

    io ti dirò la mia opinione.
    è molto personale quindi spero la si prenda dal verso "giusto"
    io penso che tutti questi punti siano belli, onorevoli e anche salutari.
    per me, però, un pizzico di pigrizia o d'ozio ci deve essere.
    per generalizzare la mia opinione dico semplicemente che serve un po' di tutto. e penso che la verità sta nel secolare detto: il giusto è in mezzo.

    dobbiamo essere noi stessi, fine.
    non essere qualcun altro perchè la moda porta verso una direzione o perchè un amico o un'amica va verso quella direzione. quella è la sua direzione.

    io sono felice per i tuoi cambiamenti: modellali a tua immagine in modo che possano soddisfarti oggi.

    miei consigli?
    di non esagerare con le pianificazioni. lo dico sempre anche a me stesso.
    e di continuare a stupirti per le cose più semplici e belle. :)

    altro non so dire, perchè non sono un uomo navigato, pieno di esperienze e sicurezze, anzi..

    baci, tienici informati ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! Allora parto con il dire, sono in perfetta linea con te! Nel senso, non mi piacciono le mode, fare le cose perché lè fanno tutti ma sono per il "se qualcosa mi incuriosisce, lo provo". Ovviamente questo poi viene rimodellare su di me, altrimenti non va bene. Purtroppo io sono una persona davvero pigra e il posporre è sempre stato il mio stile di vita, il fatto è che in giornate piene perdo di vista gli obiettivi e quindi dovevo trovare un metodo: la pianificazione. Ovviamente non sono maniacale, anzi...nonostante questo disordine e pigrizia pre dono comunque il sopravvento :D

      Elimina
    2. Ciao! Allora parto con il dire, sono in perfetta linea con te! Nel senso, non mi piacciono le mode, fare le cose perché lè fanno tutti ma sono per il "se qualcosa mi incuriosisce, lo provo". Ovviamente questo poi viene rimodellare su di me, altrimenti non va bene. Purtroppo io sono una persona davvero pigra e il posporre è sempre stato il mio stile di vita, il fatto è che in giornate piene perdo di vista gli obiettivi e quindi dovevo trovare un metodo: la pianificazione. Ovviamente non sono maniacale, anzi...nonostante questo disordine e pigrizia pre dono comunque il sopravvento :D

      Elimina
    3. per le ultime frasi dico "ma è del tutto normale"
      primo perchè sei giovane yep :)
      poi (anche legato alla giovinezza) avrai giustamente mille idee per la mente.
      in alcune persone (non so tu), il non poter realizzare il sogno, potrebbe sfociare nella pigrizia, è normale.

      però questo tuo proposito è veramente positivo, e se posso dire, è una cosa molto da donna (non che prima non la fossi..), molto femminile. quindi sta cosa, personalmente mi piace. mi affascina molto la femminilità che oltre al collo (il tuo.. ricordi :P eheh scherzo), la trovo davvero sexy.

      non è molto "femminile" la pigrizia, invece penso sia più maschile, si beh poi ci sono vari gradi di pigrizia ed ozio eh..

      però vai alla grande ti vedo e leggo sempre in formissima

      baci

      Elimina
  2. Ciao piacere di conoscerti! C'è una citazione che mi piace da impazzire e che cerco sempre di mettere in pratica: "Follia è fare sempre la stessa cosa e aspettarsi risultati diversi". Vorrei avere sempre la forza di farlo 😉
    lallylu.blogspot.com

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! Il piacere è tutto mio :)
      Aaaah quella frase ha pienamente ragione, forse è ancora più difficile quello!

      Elimina
    2. Ciao! Il piacere è tutto mio :)
      Aaaah quella frase ha pienamente ragione, forse è ancora più difficile quello!

      Elimina